Archivi categoria: Novità

Esplosione a Beirut il 4 agosto

Esplosione a Beirut il 4 agosto 2020

A tutti i gentili amici che si preoccupano a causa dell’esplosione di martedì 4 agosto a Beirut: sia noi di Lebanon Trust sia i nostri amici libanesi stanno bene, almeno tutti quelli che siamo riusciti a contattare fino ad ora. Purtroppo moltissimi edifici hanno subito danni ingenti, e anche la scuola e i campi rifugiati ne hanno risentito, nonostante la distanza notevole dal magazzino esploso, che si trovava nel porto di Beirut.
Nelle foto: una strada in città e i silos della farina, completamente distrutti dall’esplosione (foto: AFP / Patrick Baz e AFP/STR)

 

L’impresa di Kevin

Un grande successo per Kevin e per Lebanon Trust

Ccari amici e sostenitori,

non che nessuno ne dubitasse – ma Kevin ieri, sabato 25 luglio, ha completato la sfida! Ecco il suo messaggio:

La sfida delle “Tre vetter e tre croci” in un giornoè stata portata a termine con successo ieri, in condizioni difficili su tutte e tre le montagne. Grazie a tutti coloro che l’hano resa possibile, e grazie per le vostre generose donazioni, che hanno dato a questa giornata faticosa una dimensione in piu’, quella della raccolta di fondi. Le vostre donazioni aiuteranno in modo concreto i bambini e ragazzi sostenuti dalla nostra organizzazione. Per loro, ogni giorno è una sfida – e la vostra generosità gliela rendono un po’ piu’ facile.

Grazie di cuore.

Kevin

I generosi amici di Kevin

Un enorme e sentito GRAZIE ai generosi amici di Kevin

Kevin, l’eroe della sfida “3 vette & 3 croci in 1 giorno” sta raccogliendo fondi per i progetti di Lebanon Trust. Moltissimi amici hanno risposto generosamente al suo appello. Vorremmo ringraziarli ed esprimere tutta la nostra gratitudine a: (in ordine cronologico inverso)

i moltissimi sostenitori anonimi
Mark Drummond
Colin
Micheál
Leahy family
Kathleen Curtin
Kieran o Shea
Gerardine Cotter
Joanne
Susan McNamara
Stacey
La famiglia Halpin
Deirdre, Joe, Anton e Mary
Don e Siobhan
Una e Kieran
Kevin & Noreen
Uncles e auntie Mary
Stephen
Kayla e Amelia
Sharon O S
Christine, Nora & Danny
Nicola
Karen Condon
Dee, Tom H, Mike O’D, Sean, Joanne, Niamh, Shane, Adam, Chris, James, Donie, John, Michael H.
Anne e Jerry casey
Patrick Sullivan
Ken e Lisa
Joan & Peter
“The luckiest son in the world”
Mum
Ken e Liz
Mike Higgins
Bryan e Gráinne
Aidan e Sharon
Gary, Judy, Lauren e Kerri
Pen e John
Monika e  figli
Ryan Boyle
Grainne
Damien Ginty
Michele e Fergus
Tracy O Keeffe
Sandra e Sean O Keeffe
Peter White
Trevor Devereux
Marion O’Mahony
Andrea e i O’Donoghues
Gerardine Gardezi
Sam
David
Bernie

Il FAID supporta le famiglie degli alunni

FAID, la scuola per bambini e ragazzi sordi che aiutiamo dal 2008, aiuta le famiglie degli alunni più  bisognosi in questi tempi di crisi profonda

In ottobre dello scorso anno una profondissima crisi economica ha causato estesa disoccupazione e una svalutazione della moneta del 60%. Dal momento che il Libano importa la maggior parte delle merci, i prezzi sono più che raddoppiati, e per molti i costi sono diventati proibitivi anche per le merci basilari. Questa situazione si somma alla grave instabilità creata da dieci anni di  guerra nella vicina Siria e alla pandemia attualmente in corso.

Il FAID aiuta le famiglie più bisognose. Con l’aiuto di una associazione benefica il personale prepara pacchi viveri a distribuisce materiale disinfettante a coloro che ne hanno bisogno.

Il FAID continua l’educazione dei suoi alunni

FAID, la scuola per bambini e ragazzi sordi che aiutiamo, continua la sua importante missione anche in questo tempo difficile.

A causa del coronavirus il FAID si è vistro costretto a mandare a casa tutti gli alunni all’inizio di marzo, ma l’Istituto è rimasto aperto. Molte iniziative, come il programma di assistenza per bambini sordi di famiglie rifugiate, sono state sospese o rimandate, ma gli insegnanti hanno continuato a preparare lezioni e compiti consegnandoli poi ai genitori degli alunni.

Con il peggioramente ulteriore della situazione la scuola ha dovuto chiudere del tutto, ma gli insegnanti, con tanta creatività, si sono ingegnati a fare lezione e mandare compiti attraverso Facebook.

Inoltre, in collaborazione col Ministero dell’Informazione, hanno creato un breve video per la comunità dei sordi in Libano, per spiegare i pericoli del virus e tutte le precauzioni da prendere.

Cosa abbiamo fatto nel 2019

 

Cosa abbiamo fatto nel 2019

Scarica il rapporto 2019

(su tablet e smartphone: si consiglia orientamento orizzontale)

Cari amici e sostenitori,

nonostante la situazione instabile dovuta alle proteste e sommosse in corso, a novembre di quest’anno siamo andati in Libano a visitare gli istituti che sosteniamo grazie alle vostre donazioni: l’Istituto per i sordi di Padre Andeweg (FAID), due asili per rifugiati e la Casa della Speranza, per orfani e bambini di strada.

Questa è stata la dodicesima visita consecutiva dei nostri volontari al FAID, scuola per bambini e ragazzi sordi a Beirut, che accoglie circa 80 alunni di tutte le confessioni, libanesi e rifugiati siriani; parecchi di loro stanno alla scuola dal lunedì al venerdì. Abbiamo risistemato e ridipinto un’aula per l’insegnamento professionale, dove i bambini sordi impareranno il mestiere di barbiere e parrucchiere; fatto molti lavori di manutenzione all’edificio della scuola; pulito e sistemato il giardino; messo in sicurezza e ri-installato la porta del laboratorio di audiologia.

Alla fine del nostro soggiorno tutti gli alunni si sono riuniti per salutarci (e mangiare dolcetti).

Grazie alla vostra generosità, abbiamo potuto:

  • donare 8000 dollari per una logopedista, che insegna a parlare ai bambini e ragazzi sordi
  • donare 2000 dollari per acquistare il gasolio per il riscaldamento delle aule
  • finanziare tutti i lavori che abbiamo svolto

Siamo anche andati a visitare la Casa della Speranza, un istituto che accoglie orfani e ragazzi di strada. Stanno creando un programma di insegnamento professionale per insegnare ai ragazzi un mestiere e prepararli a costruirsi una vita e un futuro.

Abbiamo donato loro 3000 dollari per questa utilissima attività, in nome dei nostri generosi sostenitori. Abbiamo anche regalato loro palloni da calcio e indumenti sportivi, donati dal negozio di sport O’Neills di Dublino.

Abbiamo anche visitato i due asili in altrettanti campi rifugiati che sosteniamo da diversi anni, Shatila a Beirut e Burj el-Shemali nella storica città di Tiro nel sud del Libano. Nonostante lo squallore e la miseria che li circondano, questi asili sono oasi di calma, con aule pulite e dipinte a colori vivaci, dove i bambini, dai 3 ai 5 anni, giocano e imparano a leggere e a scrivere, in arabo e in inglese. Le insegnanti sono bravissime e veramente molto motivate e piene di risorse. Ci hanno accolto con grande ospitalità e alla fine a Burj el-Shemali ci hanno offerto un ottimo pranzo (tutti seduti sulle seggioline dell’asilo) di manicaretti della cucina palestinese.

Grazie a voi, abbiamo potuto donare 3000 dollari a ciascun asilo per le prime necessità e per materiale didattico per i bambini.

Rapporto finanziario

Entrate: donazioni a Lebanon Trust (Euro)

Eventi di raccolta fondi 1555.00
Donazioni private 9219.02
Sponsorizzazioni aziendali 8515.92
Totale 19289.94

(Chiusura dei conti 30 nov. 2019; tasso di cambio EUR/USD/CHF come applicato dalla nostra banca)

Uscite: donazioni agli istituti sostenuti inLibano, spese (Euro)

Web hosting & domini internet, Paypal/commissioni bancarie
178.15
Utensili e materiali, logistica, spese locali e maestranze in Libano 1191.21
Donazione al FAID 9243.85
Donazione alla Casa della Speranza 2773.15
Donazione all’asilo di Shatila 2773.15
Donazione all’asilo diBurj el Shemali 2773.15
Totale 18932.66
Differenza 357.28

Come sempre, i volontari hanno raccolto fondi in tanti modi: cimento invernale, serate di quiz, vendite di torte, mercatini, raccolte pubbliche e sensibilizzazione per le vie, raccolte tra colleghi, ecc.

Grazie di cuore agli amici che ci hanno aiutato quest’anno:

  • Anna Galli (Genova)
  • A. Bertolotto & MC Ferraro (Genova)
  • Martina Merkle (Zurigo)
  • Ole Vossnack (Zurigo)
  • Fam. Liverini-Swanström (Zurigo)
  • Fabio e Marta Delfante-Cocurullo (Genova)
  • Anna Dal Negro e famiglia, Zurigo
  • Giovanni Zappavigna e famiglia (Massa)
  • Elena Prola-Smith e famiglia (Londra, UK)
  • Famiglia Bertolotto-Della Penna (Genova)
  • Milda Cocurullo e famiglia (Genova)
  • Enrico e Lilli Bertolotto (Genova)
  • Famiglia Parodi (Genova)
  • Famiglia Devia (Genova)
  • Famiglia Vigna-Mori (Savona)
  • Carla e Natale Ferraro (Genova)
  • Giorgio Margotti (Livorno)
  • Silvana Falaschini (Livorno)
  • Famiglia Fasciolo-Barnabe’ e gli amici di Montaldero (Arquata Scrivia)
  • Giovanna & Cristina Pellegrini e famiglia (Genova)
  • Famiglia Aquini-Alberghini (Arquata Scrivia)
  • Renato e Olga Ricci (Arquata Scrivia)
  • Fabio Minotti, Lentate sul Seveso (MI)
  • Catherine e Adrian Ruf (Zurigo)
  • Chaithra Vishnu (India)
  • Mick Halpin e lo staff Symantec a Dublino
  • Community Foundation of Collier County, Florida (USA)
  • The Silicon Valley Community Foundation
  • The Symantec Foundation
  • McCormack’s Cycle Centre (Dublino)
  • O’Neill’s House of Sport (Dublino)
  • St Peregrines GAA Club (Dublino)
  • Farleng Engineering (Dublino)
  • Stafford Engineering (Dublino)
  • Paul Reid Dental Laboratories (Dublino)
  • Patricia Meade (USA)
  • Kelly’s Welding & Engineering (Dublino)
  • The Terence welding company (Dublino)
  • ProWeld (Dublino)
  • Brenden & staff di Lilliput Stores (Dublino)
  • Dolphin furniture sales (Dublino)
  • Lufthansa Airlines
  • ChAir Airlines
  • Advanced Car Rental (Beirut)
  • E tutti gli amici di Walkinstown per il loro sostegno generoso e costante

Laura ringrazia gli amici – 2019

Laura ringrazia tutti gli amici che hanno sostenuto Lebanon Trust quest’anno!

Tanti amici generosi hanno donato quest’anno in favore dei nostri progetti in Libano. Laura in particolare, con tutti gli altri volontari, ringrazia di cuore:

Anna Galli, Genova
Alessandro Bertolotto & Maria Cristina Ferraro, Genova
Martina Merkle, Zurigo (Svizzera)
Fam. Liverini-Swanström, Zurigo (Svizzera), e in particolare Albert
Fabio e Marta Cocurullo, Genova
Anna Dal Negro e famiglia, Zurigo (Svizzera)
Famiglia Zappavigna, Marina di Massa (MS)
Elena Prola e famiglia, Londra (UK)
Milda Cocurullo e famiglia, Genova
Enrico e Lilli Bertolotto, Genova
Famiglia Parodi, Genova
Famiglia Della Penna, Genova
Natale e Carla Ferraro, Genova
Famiglia Devia, Genova
Giorgio Margotti, Livorno
Angela Vigna e famiglia, Savona
Silvana Falaschini, Livorno
Patricia Meade (USA)
Fam. Fasciolo-Barnabe’ e gli amici di Montaldero, Arquata Scrivia (AL)
Fam. Aquini-Alberghini, Arquata Scrivia (AL)
Famiglia Ricci, Arquata Scrivia (AL)
Giovanna & Cristina Pellegrini e famiglia, Genova
Catherine & Adrian Poeydomenge-Ruf, Zurigo (Svizzera)
Fabio Minotti, Lentate sul Seveso (MI)
Chaithra Vishu, India

Il nostro lavoro al FAID nel 2019

Visita e lavoro al FAID, l’Istituto per sordi di Padre Andeweg (novembre 2019)

Questa è stata la dodicesima visita consecutiva dei nostri volontari al FAID, scuola per bambini e ragazzi sordi a Beirut.

Abbiamo risistemato e ridipinto un’aula per l’insegnamento professionale, dove i bambini sordi impareranno il mestiere di barbiere e parrucchiere; fatto molti lavori di manutenzione all’edificio della scuola; pulito e sistemato il giardino; messo in sicurezza e ri-installato la porta del laboratorio di audiologia.

Alla fine del nostro soggiorno tutti gli alunni si sono riuniti per salutarci (e mangiare dolcetti).

Grazie alla generosità dei nostri sostenitori, abbiamo potuto:

– donare 8000 dollari per una logopedista, che insegna a parlare ai bambini e ragazzi sordi
– donare 2000 dollari per acquistare il gasolio per il riscaldamento delle aule
– finanziare tutti i lavori di pitturazione e manutenzione che abbiamo svolto

Non vediamo l’ora di tornare a visitare la scuola!

Visita all’asilo per rifugiati di Burj el-Shemali, 2019

La nostra visita all’asilo per bambini di famiglie rifugiate a Burj el-Shemali (novembre 2019)

Come ogni anno, siamo andati a visitare l’asilo nel campo rifugiati di Burj el-Shemali a Tiro, nel sud del Libano. Nonostante lo squallore e la miseria che lo circondano, questo asilo è un’oasi di calma, con aule pulite e dipinte a colori vivaci, dove i bambini, dai 3 ai 5 anni, giocano e imparano a leggere e a scrivere, in arabo e in inglese.

Le insegnanti sono bravissime e veramente molto motivate. Ci hanno accolto con grande ospitalità e alla fine ci hanno offerto un ottimo pranzo (tutti seduti sulle seggioline dell’asilo!) di manicaretti della cucina palestinese.

Grazie ai nostri sostenitori, abbiamo potuto donare loro 3000 dollari per le prime necessità e per materiale didattico per i bambini.

 

I volontari in Libano, 2019

Nonostante la situazione instabile, il mese scorso (nov. 2019) i volontari di Lebanon Trust sono andati in Libano

Dal 17 ottobre di quest’anno ci sono proteste diffusissime, a-politiche e a-confessionali, motivate dall’incapacità del governo libanese di fornire servizi di base (elettricità, acqua potabile, raccolta della spazzatura), e risolvere una crisi economica causata da corruzione e spreco di denaro pubblico. Queste preteste causano qualche contrattempo, come blocchi stradali, e allo stesso tempo le banche, spesso chiuse, impongono limiti sui prelevamenti di dollari.

Nonostante questa instabilità, i nostri volontari sono andati in Libano per il loro annuale viaggio di lavoro.

(fotografie: Wikipedia)

Grazie alla Community Foundation of Collier County in Florida

Grazie di cuore al David & Kathleen Halpin Fund della Community Foundation of Collier County, Naples, Florida (USA), per il fedele sostegno

Ancora una volta abbiamo ricevuto una generosa donazione di 1500 per i nostri progetti a favore dei bambini e ragazzi svantaggiati in Libano. Tutta la nostra gratitudine va a Kathleen e Mick Halpin per la loro amicizia e tutto il loro aiuto. Grazie anche allo staff e ai membri della Fondazione, da tutti i volontari di Lebanon Trust.